Soffi di sale

mercoledì 20 giugno 2007

Couscous con limoni confit e anguria





Oggi vi propongo una ricetta fresca e veloce, per rendere omaggio all'estate che si sta affacciando ovunque con temperature elevate. Il couscous è sempre un piatto gradito in questa stagione e ciascuno lo interpreta seguendo i suoi gusti. L'idea che vi suggerisco è quella di aromatizzare la semola in cottura con il sapore particolare dei limoni sotto sale: non sarà necessario aggiungerne altro e i limoni doneranno una scia piacevolissima sul palato.
Io ho condito semplicemente con anguria e cetriolo, ma credo che della feta sbriciolata renderebbe il piatto più completo dal punto di vista nutrizionale. Nel mio caso la scelta è caduta sul couscous del commercio equo solidale perchè lo trovo davvero buono. I grani sono un pochino più grossi del normale, e restano morbidi ma al contempo tengono bene la cottura.


couscous 500 g
limoni sotto sale 3 fette
anguria baby una
cetrioli due
olio evo un cucchiaio

Tritate le fettine di limone. Portate a bollore la quantità di acqua indicata sulla confezione e aggiungete i limoni tritati. Lasciate che la semola si gonfi. Intanto lavate e pelate i cetrioli e tagliateli a dadini. Lavate l'anguria e con l'aiuto di uno scavino prelevate tante palline di polpa. Conservate tutto al fresco mentre sgranate il couscous con la forchetta. Quando e` freddo e ben sgranato mescolate con le palline di anguria e i pezzetti di cetriolo, rifinite con un filo di olio di oliva. Servite.





domenica 3 giugno 2007

Gazpacho di fragole e pomodori





Il Gazpacho è un piatto originario della Spagna e del Portogallo. Questa zuppa fredda a base di verdure esiste in numerose versioni ed è stata ampiamente sdoganata dalla Penisola Iberica. L'aggiunta delle fragole, idea tratta dal volume "Crudo" di Lyndsay Mikanowski e Patrick Mikanowski, conferisce al gazpacho una tinta che dal rosso vira al rosa carico; il sapore invece è una vera scoperta. Le fragole dominano solo inizialmente, poi tutti i sapori emergono sul palato in modo distinto. Il risultato è rinfrescante e il Sale rosa dell'Himalaya che impreziosisce il bicchiere contrasta piacevolmente il sapore lievemente acido della preparazione.



Fragole 300 g
pomodorini ciliegia 300 g
aceto balsamico 2 cucchiai
olio extra vergine di oliva 3 cucchiai
cetriolo piccolo 1
scalogno mezzo
una fetta di pane
Sale rosa dell'Himalaya

Lavate e asciugate le fragole, i pomodori e il cetriolo. Sbucciate il cetriolo, eliminate i piccioli delle fragole e dei pomodorini e tagliate il tutto a pezzi. Ammollate il pane nell'acqua fino a quando si inzuppa completamente quindi strizzatelo. Riunite tutti gli ingredienti, eccetto il sale, nel frullatore e frullate per 30 secondi. Se fosse troppo denso unite dell'acqua. Conservate in frigorifero almeno un paio di ore; meglio tutta la notte. Prima di servire bagnate i bordi dei bicchieri con poco succo di limone; quindi fatevi aderire il sale rosa dell'Himalaya appena grattugiato, riempiteli con un mestolino di gazpacho e servite.